Chiedere lo sconto assicurativo INAIL. E’ giunto il momento, provvedi subito

Finanziamenti-INAIL-OT23-Emidio-Silenzi

Ogni azienda può chiedere lo sconto sul premio INAIL . La nostra consulenza  per tutta la fase dell’istruttoria

Facciamo subito domanda per ottenere lo sconto sul premio INAIL!

Con questo articolo entriamo nel dettaglio per indicare ai lettori come fare per ottenere lo sconto con la maggiore rapidità possibile e, soprattutto, come fare per mantenerlo anche per gli anni futuri.
La soluzione proposta è quella meglio indicata dall’INAIL e senza i costi piuttosto importanti necessari per ottenere una certificazione sulla prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Infatti , possiamo realizzare un Sistema di Gestione della Sicurezza nei luoghi di Lavoro (SGSL) seguendo le linee guida UNI INAIL ISPESL e PARTI SOCIALI 2001 2003 ed. 2011.

Queste Linee di indirizzo sono state redatte in conformità alle “Linee Guida per un Sistema di gestione della Salute e Sicurezza sul lavoro – SGSL” pubblicate dall’UNI nel 2001, avendo cura di assicurare una congruenza di contenuti e di conformità anche alle BS OHSAS 18001:2007.

Le Linee di Indirizzo SGSL-MPI, inoltre, sono utili per lo sviluppo di un modello organizzativo e gestionale, ove adottato ed efficacemente attuato, per le finalità di cui all’art. 30 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

Si è inteso, attraverso queste linee di indirizzo, interpretare una via di implementazione di un SGSL aziendale in imprese con articolazione delle funzioni e delle responsabilità molto semplice, in cui la classica sequenza Datore di Lavoro, dirigenti, preposti, lavoratori è in realtà ridotta a Datore di Lavoro, lavoratori con la presenza di preposti, spesso di numero contenuto.

Per questo il testo non richiama procedure gestionali classiche, ma si articola secondo un “flusso procedurale” che cerca di facilitare il Datore di Lavoro nell’attuare e tenere sotto controllo tutte le sue responsabilità e le attività richieste da un SGSL e dalla legislazione, tenendo comunque presente la possibilità che vi possano essere uno o più preposti cui attribuire funzioni e responsabilità connesse con il ruolo aziendale affidato. 

Adottando tali linee guida l’azienda, oltre alla possibilità di ottenere il beneficio economico, ha, anche, l’opportunità di effettuare una attenta analisi della propria posizione in termini di sicurezza, prevenzione e igiene  dei propri dipendenti.

Dapprima, definendo bene ruoli e responsabilità e verificando la correttezza nell’assegnazione degli incarichi.

In secondo luogo, predisponendo un documento di politica della sicurezza, necessario presupposto per formulare al proprio interno un piano della sicurezza che dia all’esterno una percezione di pieno governo della sicurezza in azienda sia da parte del datore di lavoro che dell’intero management aziendale.

Un terzo momento, imprescindibile, è quello della pianificazione, partendo dalla normativa di riferimento, che ovviamente va integralmente rispettata, si procede alla realizzazione di una serie di audit  interni i quali, attraverso una attenta sorveglianza e precise misurazioni danno l’idea della capacità dell’azienda di adeguarsi, attraverso il SGSL alla normativa e agli obiettivi di piano indicati.

Poiché gli audit interni proposti sono uno per ciascun rischio presente in azienda attraverso la loro valutazione e realizzazione si possono identificare i pericoli presenti in azienda, valutarne tutti i rischi e individuare le adeguate misure di prevenzione e protezione, al fine di assicurare il migliore livello possibile di salute e sicurezza dei dipendenti, degli appaltatori, di tutte le persone che accedono alle aree sotto il controllo diretto dell’azienda, inclusi i visitatori, nonché proteggere l’integrità delle proprietà e l’immagine dell’azienda.

L’obiettivo cui deve sempre tendere l’azienda attraverso il processo di Valutazione dei Rischi è l’eliminazione/riduzione del numero, della frequenza e della gravità degli eventi incidentali (incidenti, infortuni, malattie professionali).

Altro momento di attenzione garantito dal SGSL il coinvolgimento del personale.

L’efficace gestione della sicurezza in azienda  richiede il sostegno e l’impegno dei dipendenti e le conoscenze e l’esperienza dei lavoratori sono una risorsa necessaria allo sviluppo di un SGSL.

L’azienda con il SGSL   definisce  modalità adeguate per realizzare il coinvolgimento dei lavoratori e/o dei loro rappresentanti ed in particolare per attuare:

  • la consultazione preventiva in merito alla individuazione e valutazione dei rischi ed alla definizione delle misure preventive;
  • riunioni periodiche da effettuarsi con frequenza e modalità che tengano conto almeno delle richieste fissate dalla legislazione vigente.

Può essere opportuno, in relazione alle esigenze ed alla struttura aziendale, realizzare forme di coinvolgimento utilizzando prioritariamente le riunioni previste per la gestione aziendale o anche attraverso gruppi o comitati di analisi e discussioni su particolari temi di SSL.
Altro ulteriore possibile mezzo di coinvolgimento può essere la raccolta di osservazioni e commenti sulle misure preventive adottate, sulla organizzazione del SGSL, sulle procedure ed i metodi di lavoro.
Tali osservazioni e commenti possono essere utilizzati, anche in fase di riesame del SGSL.

Ulteriore  momento essenziale per il SGSL:  Formazione, addestramento, consapevolezza

L’azienda con il SGSL  definisce e mantiene attive le modalità per assicurare che il personale sia ad ogni livello consapevole:

  • dell’importanza della conformità delle proprie azioni rispetto alla politica ed ai requisiti del SGSL;
  • delle conseguenze che la loro attività ha nei confronti della sicurezza in azienda;
  • delle possibili conseguenze dovute ad uno scostamento da quanto fissato in materia di sicurezza.

Nel SGSL lo svolgimento di compiti che possono influenzare la sicurezza richiede adeguata verifica di competenza del personale addetto.

La competenza è definita in termini di adeguata formazione, addestramento e/o esperienza.

L’azienda si dovrebbe attivare affinché i lavoratori e i loro rappresentanti siano sufficientemente competenti per partecipare realmente al funzionamento del SGSL e dovrebbe incoraggiare questa loro partecipazione.

L’azienda dovrebbe organizzare la formazione e l’addestramento secondo i fabbisogni rilevati  periodicamente, anche attraverso la consultazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti

Ultimo elemento di rilievo con il SGSL:  Comunicazione, flusso informativo e cooperazione

La circolazione delle informazioni all’interno dell’azienda è un elemento fondamentale per garantire livelli adeguati di consapevolezza ed impegno riguardo alla politica adottata in tema di sicurezza.

Il principio che  ispira la realizzazione del flusso informativo è quello della cooperazione tra tutti i soggetti interessati, interni e/o esterni all’impresa.

La cooperazione si dovrebbe realizzare in una cultura aziendale che dia risonanza al flusso informativo tramite la partecipazione attiva di tutto il personale aziendale ed in particolare di tutti i lavoratori.

RICORDO CON LA TABELLA L’ENTITÀ DELLO SCONTO!

lavoratori-anno del triennio della Pat

riduzione

fino a 10

28%

da 10,01 a 50

18%

da 50,01 a 200

10%

oltre 200

5%

Non esitare a chiamaci per eventuali chiarimenti.

Redazione NotiziarioSicurezza.it: Emidio Silenzi

 

 

Print Friendly, PDF & Email

About the Author

Emidio Silenzi
Ex dirigente INAIL Dott. Emidio Silenzi Salita dell’orologio, 2 83100 Avellino +39 348 131 9929 e.silenzi1@gmail.com

Be the first to comment on "Chiedere lo sconto assicurativo INAIL. E’ giunto il momento, provvedi subito"

Leave a comment