L’importanza del DPR 320/1956 nella valutazione dei rischi in sotterraneo

L’IMPORTANZA DEL DPR 320/1956 NELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO PER I LAVORI IN SOTTERRANEO

I cultori e gli esperti della sicurezza, compresi gli organi di vigilanza spesso dimenticano l’esistenza del D.P.R.320/56 “Norme per la prevenzione degli infortuni e l’igiene del lavoro in sotterraneo” decreto mai abrogato dal D.Lgs.626/94 e dal successivo D.Lgs.81/08 s.m.i., i cui capi XI, XII e XIII si applicano anche ai lavori esterni connessi al sotterraneo. 

IL Decreto è a tutt’oggi vigente e la vigilanza è sempre stata affidata all’Ispettorato del lavoro. L’importanza di tale decreto consiste nel fatto che è l’unico testo di legge in cui siano stati inseriti valori limiti legali di parametri fisici e chimici da non superare:

– temperatura a bulbo asciutto e umido;
– numero di ricambi d’aria da assicurare ai lavoratori;
– d’illuminamento;
– velocità dell’aria;
-numero di lavoratori componenti la squadra di salvataggio;
-rilievi periodici degli inquinanti aerodispersi e delle polveri per il controllo della silice libera aerodispersa.

Per quanto concerne il rischio chimico d’inalazione di “particolato aerodisperso” lo stesso riguarda non solo i lavori in sotterraneo ma la cantieristica in genere, tale rischio va valutato, ovviamente nel DVR, PSC, POS, in modo analitico e dettagliato. 

Per chi interessato, si riporta nel seguente link a titolo esplicativo una metodica d’analisi del rischio da polveri utilizzata in igiene del lavoro.

ANALISI DEL RISCHIO DA POLVERE IN UN AZIENDA ARTIGIANALE DI PRODUZIONE DI MATTONELLE E PIASTRELLE

Dr. Ennio Esposito ex responsabile vigilanza tecnica dell’ITL di Napoli

 

About the Author

Ennio Esposito
Ex responsabile vigilanza tecnica dell’ITL di Napoli

Be the first to comment on "L’importanza del DPR 320/1956 nella valutazione dei rischi in sotterraneo"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*