Stress Lavoro Correlato: un rischio spesso sottovalutato

STRESS LAVORO CORRELATO.
Come sappiamo lo stress lavoro correlato è una parte molto importante per la valutazione dei rischi, che il datore di lavoro ai fini dell’art.28 del Dlgs.81/08 deve obbligatoriamente effettuare per salvaguardare la salute e la sicurezza dei suoi dipendenti.
Ma che cos’è? Si può definire uno stato di malessere psicofisico dato da una condizione di disequilibrio tra aspettative richieste e risposta lavorativa, che non essendo in linea con i risultati richiesti genera una condizione di stress. Le condizioni possono essere molteplici:
carenza di informazione e comunicazione, inadeguatezza alla mansione da svolgere, gestione inadeguata e quant’ altro..
Ma come misuriamo il livello di stress da lavoro? In genere si effettua una valutazione in due fasi: preliminare ed approfondita. In fase preliminare prendiamo in valutazione un gruppo di lavoratori “omogenei”, si effettua un
analisi di eventi sentinella ed una sul contenuto ed il contesto lavorativo.
I primi eventi sentinella in presenza di stress da lavoro si presentano come : assenze per malattia, infortuni sul lavoro, procedimenti/sanzioni, segnalazioni al medico competente e lamentele da parte dei lavoratori.
Negli eventi di contenuto troviamo i seguenti aspetti : ambiente di lavoro ed attrezzature, carichi di lavoro, turni di lavoro e corrispondenza tra competenze e requisiti richiesti.
Negli indicatori di stress da lavoro riferiti al contesto lavorativo troviamo: ruolo all’interno dell’organizzazione, autonomia decisionale, evoluzione e sviluppo di carriera, conflitti interpersonali a lavoro e comunicazione.
Una volta raccolte tutte le informazioni di contenuto e contesto viene indetta una riunione con la presenza dell’ RSPP, RLS, ed il Medico competente per formulare una valutazione dei rischi dove verrà elaborato un documento nel quale si evidenzierà la presenza di rischio stress lavoro correlato significativo ed eventuali misure di
miglioramento necessarie.
La fase approfondita è finalizzata a rilevare le percezioni dei lavoratori sugli aspetti di contenuto e contesto lavorativo connessi con il rischio stress lavoro correlato e va obbligatoriamente intrapresa qualora l’ esito della valutazione preliminare abbia riscontrato in uno o più gruppi la presenza di stress lavoro correlato. Gli strumenti
individuati per una valutazione approfondita possono essere: questionari, gruppi di discussione, interviste.
Una volta terminata la fase approfondita, i risultati devono essere forniti ai lavoratori per informali della situazione emersa e trovando una soluzione ad eventuali problematiche. Ricordiamo che la valutazione dei rischi è obbligatoria e le sanzioni previste sono:
• Omissione della valutazione dello stress lavoro correlato nella compilazione del DVR. Sanzioni previste:
ammenda da 2,500 a 6,400€ e, nei casi più gravi, l’arresto da 3 a 6 mesi;
• Valutazione dei rischi da stress da lavoro svolta senza l’effettiva presenza del RSPP e del medico competente. Sanzioni previste:
ammenda da 2,500 a 6,400€ e, nei casi più gravi, l’arresto da 3 a 6 mesi;

 

Be the first to comment on "Stress Lavoro Correlato: un rischio spesso sottovalutato"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*