Oltre la legge

Oltre la legge. Considerare la valutazione dei rischi come un costo è, per un imprenditore, una sconfitta in partenza. Qualunque sia la sua attività: che sia un ufficio, un parrucchiere, un fruttivendolo, un meccanico, un barista, un armatore, un istruttore in palestra o un commerciante al dettaglio. 

Correre ai ripari in fretta e furia richiedendo online un DVR al volo, così come richiedere attestati di formazione “veloci”, accorgersi che sul lavoro esistono dei rischi solo quando accade qualcosa di grave, tanto o poco grave che sia.  

Eppure, basta poco per dormire sonni tranquilli: organizzarsi per tempo, e se ancora non lo abbiamo fatto facciamolo subito!  

Programmare la prevenzione e ridurre i rischi non perché ce lo impone la legge, ma perché vogliamo tornare a casa sani e salvi dopo una giornata di lavoro: noi e chi con noi lavora. 

Le disposizioni sanzionatorie dell’81/08 passano in secondo piano se cambiamo il modo di intendere la sicurezza su lavoro. 

In Italia abbiamo il primato di attenzione normativa alla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori, ma ancora molti morti e innumerevoli incidenti alimentano le dolorose statistiche annuali.  

Per non parlare delle malattie professionali e delle conseguenti cause legali, lunghe e costose. 

Prima di pensare al riassetto e alla riforma della normativa, concentriamoci sulla organizzazione del nostro posto di lavoro: dal caos all’ordine, dal rischio alto alla salvaguardia delle persone e delle cose. 

Valutiamo i rischi nel nostro ambiente: perché c’è una legge, si, ma soprattutto per noi! 

Redazione Notiziario Sicurezza: Ing. Emiliano Cioffarelli

Be the first to comment on "Oltre la legge"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*