Sicurezza Cantieri, avviati controlli in tutt’Italia.

Dal sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali si apprende che nella giornata del 27 ottobre, nell’ambito dell’azione di vigilanza “110 in sicurezza“, coordinata dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro, è stata effettuata un’operazione straordinaria di contrasto al lavoro nero nel settore dell’edilizia, con particolare riguardo anche agli adempienti all’attuazione delle tutele della salute e sicurezza dei lavoratori. L’operazione che si è svolta su tutto il territorio nazionale ad esclusione della provincia di Trento e Bolzano, ha interessato 377 cantieri ed ha prodotto il controllo 1910 posizioni lavorative per un totale di 794 aziende edili controllate.  Questi controlli, prevalentemente condotti nei cantieri sottoposti alle agevolazioni dei bonus edilizi, hanno portato all’adozione di 194 provvedimenti di sospensione delle attività d’impresa, di cui 133 per gravi violazioni in materia di sicurezza e 61 per lavoro nero.

L’intervento, concertato dal Direttore Generale dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, Bruno Giordano, con il Comandante Carabinieri Tutela Lavoro, Generale Antonio Bandiera, è stato coordinato dalla Direzione Centrale per la tutela, la vigilanza e la sicurezza del lavoro dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro.

Gli accertamenti:

  • 474 aziende irregolari
  • 347 posizioni lavorative irregolari
  • 112 lavoratori c.d. “in nero”, tra cui 1 minore e 41 lavoratori extra-UE, tra i quali 19 senza permesso di soggiorno
  • 763 prescrizioni per violazioni in materia di sicurezza
  • 194 sospensioni dell’attività d’impresa.

Nell’ambito dei rischi individuati, le irregolarità maggiori,  hanno riguardato le cadute dall’alto tra cui la mancata protezione delle aperture verso il vuoto, la non regolarità dei ponteggi con un diffuso utilizzo di ponteggi non autorizzati, il rischio elettrico, il mancato controllo delle gru nonché il mancato utilizzo dei DPI (dispositivi di protezione individuale), la viabilità inadeguata dei cantieri e le mancate protezione contro la caduta di materiali dall’alto. Tra le inadempienze ricorrenti la mancata sorveglianza sanitaria dei lavoratori, la mancata formazione e informazione dei lavoratori, l’omessa redazione del DVR (documento valutazione rischi), del POS (piano operativo di sicurezza) e del Pi.M.U.S (piano di montaggio, uso e smontaggio dei ponteggi).

Le violazioni riconducibili ai rapporti di lavoro attengono, oltre al lavoro nero, principalmente a somministrazione illecita e distacchi/appalti non genuini, riqualificazione dei rapporti di lavoro, orario di lavoro, sotto inquadramento dei lavoratori, indebita percezione del reddito di cittadinanza e della Naspi, omissioni contributive e mancata iscrizione alla Cassa Edile.

Di oltre 3 milioni di euro le sanzioni già comminate, ma quello che conta è il numero di lavoratori e aziende tutelate e delle potenziali vittime di infortuni salvaguardate.

Redazione Notiziario Sicurezza.

 

Be the first to comment on "Sicurezza Cantieri, avviati controlli in tutt’Italia."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*